Menu

Vittorio Di Paola confermato alla presidenza del Gruppo Centrale

Il Cavaliere del Lavoro Vittorio Di Paola è stato confermato per il prossimo triennio 2018-2021 alla presidenza del Gruppo Centrale. Il voto, espresso all’unanimità e sottolineato da un lungo applauso, si è tenuto in occasione dell’Assemblea svoltasi 14 dicembre scorso alla Casina Valadier di Roma. L’Assemblea ha anche proceduto alla nomina a consigliere del Cavaliere del Lavoro Fulvio Conti, in sostituzione di Francesco Argiolas giunto a fine mandato.

Il nuovo Consiglio Direttivo del Gruppo Centrale risulta oggi così composto: presidente onorario Francesco Merloni; presidente Vittorio Di Paola; vice presidente Giampietro Nattino; consiglieri Luigi Abete, Fulvio Conti, Maria Bianca Farina, Giuseppe Natale, Ercole P. Pellicanò, Luca Tomassini; tesoriere Giancarlo Giannini.

Il presidente Di Paola nel ringraziare i Colleghi ha tracciato un bilancio del suo primo mandato ed ha espresso soprattutto compiacimento per il clima di aggregazione, unità e partecipazione che ha contrassegnato la vita del Gruppo, caratteristiche queste, ha proseguito, che possono ritenersi il reale elemento caratterizzante e diversificante del Gruppo.

Il presidente Di Paola ha fatto riferimento a questo clima instaurato nel Gruppo per accennare agli impegni per il prossimo futuro, tra i quali il rinnovo del vertice della Federazione, nonché la necessità di individuare per tempo una figura che possa garantire in futuro continuità al Gruppo Centrale.

Per quanto riguarda il vertice della Federazione occorrerà individuare una personalità che sappia coniugare la necessaria disponibilità di tempo da dedicare all’incarico con le indispensabili doti di rigore e terzietà. E proprio in considerazione della delicatezza dell’argomento e della sua complessità, in quanto si tratta di temi che coinvolgono il futuro e l’immagine dei Cavalieri del Lavoro, l’argomento ha offerto spunto per una serie di brevi considerazioni.

Luigi Abete ha parlato del tema della alternanza di territorialità circa la estrazione del Presidente, mentre Francesco Merloni ha espresso valutazioni di ordine generale sul problema.

I Cavalieri del Lavoro Franco Bernabè, Francesco Starace, Maria Bianca Farina e Umberto Klinger hanno parlato invece delle caratteristiche individuali e dei programmi che i candidati dovranno presentare per una presidenza impostata su piani di concretezza, autorevolezza e di interlocuzione in vista delle problematiche che il Paese dovrà affrontare e per le quali è auspicabile che i Cavalieri del Lavoro diano il loro contributo.

I lavori sono quindi proseguiti con l’approvazione del rendiconto 2017, predisposto ed illustrato dal Tesoriere Giancarlo Giannini, che si è chiuso con risultati soddisfacenti. Il presidente Di Paola ha ringraziato il Tesoriere per l’impegno profuso.

L’incontro ha avuto la sua conclusione con una cena per lo scambio degli auguri natalizi. Ospite d’onore il Dott. Gianni Letta con la gentile consorte signora Maddalena, accolti con viva cordialità dalla signora Mimma Di Paola.

Il Presidente nel consegnare al Dott. Letta una medaglia d’oro ne ha rammentato, oltre che l’alto senso delle Istituzioni,  l’attività professionale nel corso della quale per un certo periodo   ha accomunato l’impegno giornalistico, (prima nella redazione e poi alla direzione del quotidiano romano Il Tempo) con una intensa ed apprezzata collaborazione con la presidenza della Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro.

Il Dott. Letta ha ringraziato e ricordato il rapporto sempre cordiale ed importante con i Cavalieri del Lavoro e nel ricambiare gli auguri ha fatto riferimento al momento difficile che l’Italia attraversa. A tale proposito ha citato come auspicio il recente libro del neo Cavaliere del Lavoro Andrea Illy, dal titolo significativo “Come uscire dalla crisi e recuperare il sorriso”.

Alla cena ha partecipato anche un folto gruppo di studenti del collegio universitario dei Cavalieri del Lavoro “Lamaro Pozzani” ,  tra cui tutti gli studenti abruzzesi, invitati personalmente dal presidente Di Paola per mantenere viva la tradizione del compianto Cavaliere del Lavoro Aldo Jacovitti che in occasione del  Natale usava radunare nella sua abitazione romana i laureati e gli allievi abruzzesi ospiti del collegio, per il quale aveva istituito un importante lascito.

Nel corso dell’assemblea si è registrato un momento di viva commozione allorché il Presidente Di Paola ha ricordato ai colleghi la recente scomparsa del Cavaliere del Lavoro Corrado Antonini per sei anni apprezzato presidente del Gruppo e della consorte Signora Gunilla.