Menu

Mumac, “La Cornuta” tra le opere esposte al Mad di Parigi

Al Museo delle Arti Decorative di Parigi va in scena la mostra “Tutto Ponti. Gio Ponti Archi-Designer”.

La rassegna, in programma fino al 10 febbraio 2019, ripercorre l’iter creativo di Ponti dal 1921 al 1978 attraverso l’esposizione di 500 lavori tra i quali anche una delle più note macchine per il caffè esistenti: la Pavoni modello D.P. 47.

Vera e propria scultura in metallo, con linee sinuose per i gruppi erogatori che si stagliano dal corpo cilindrico del serbatoio, e che le hanno fatto guadagnare l’appellativo “La Cornuta”, è una delle due uniche macchine ancora esistenti nonché l’unica visibile al pubblico.

Il prestito de “La Cornuta” di Giò Ponti è una testimonianza dell’impegno di gruppo Cimbali, presieduto dal Cav. Lav. Maurizio Cimbali, nella diffusione della cultura del caffè e delle macchine per espresso in contesti culturali, soprattutto attraverso le attività del MUMAC.

Diversi sono gli esempi che rientrano nell’ambito delle relazioni instaurate con i musei nazionali e internazionali: ultima in ordine cronologico, nonché contemporanea al prestito de “La Cornuta” di Ponti, è la presenza della Pitagora, unica macchina da caffè vincitrice del Compasso d’Oro, alla Triennale di Milano per la mostra dedicata al designer che la ideò, Achille Castiglioni.
Eventi, produzioni cinematografiche e mostre hanno ospitato macchine del caffè prestate da MUMAC: dalla Triennale di Milano (oltre alla mostra in corso su Castiglioni, ricordiamo “Arts & Food” del 2015 e “Storie. Il design italiano” del 2018), al Cube Design Museum a Kerkrade, in Olanda (“Passione Italiana – L’arte dell’Espresso” del 2018), dalla Korea Foundation a Seoul per l’esposizione “Espresso Design” del 2017, all’Istituto Tomie Ohtake di San Paolo in Brasile per la mostra “A idèia de forma: design italiano do pus-guerra” del 2016, dal Museo do Cafè a Santos (“Espresso design” del 2015) al Museo di Storia Naturale di Milano (“Food. La scienza dai semi al piatto” del 2015).