Menu

Fondazione Dioguardi, scenografie urbane per il Cantiere-evento del Teatro Lirico di Milano

Milano 11.04.2018

Nell’ambito di «Cantiere evento», l’innovativo programma nato sotto la direzione scientifica e culturale del Cav. Lav. Prof. Gianfranco Dioguardi per contrastare il disagio che un cantiere edile, di restauro e di nuova costruzione comporta nel contesto urbano in cui si colloca, il cantiere-evento del Teatro Lirico di Milano accoglierà, in occasione delle settimane milanesi dell’Arte e del Design 2018, una installazione a scala urbana firmata dallo stilista e artista Antonio Marras.

Un’opera di oltre 500 mq che riveste i ponteggi che coprono la facciata del Teatro Lirico, attualmente in fase di restauro; un’imponente composizione di colori, forme, disegni, stoffe e tessuti voluta dalla Fondazione Gianfranco Dioguardi, dall’impresa Garibaldi-Fragasso, dal Comune di Milano, da A.A.M. Architettura Arte Moderna.

L’installazione, disegnata e composta da Antonio Marras, sarà visibile dal 12 aprile al 30 giugno 2018 e ritrae tre grandi figure istrioniche e farsesche idealmente affacciate sulla ribalta di un palcoscenico urbano; tre personaggi teatrali pensati come omaggio al teatro stesso, alle sue rappresentazioni e alla commedia dell’arte.

La scelta di intitolare l’opera “Com’è bella la città” è motivata dalla volontà di rendere omaggio a Giorgio Gaber nella ricorrenza del quindicesimo anniversario della sua scomparsa e si giustifica anche con l’imminente intitolazione del Teatro Lirico a suo nome in ricordo dei numerosissimi spettacoli presentati dall’artista in questo luogo.

Il programma “Cantiere-evento”, inaugurato a settembre 2017 in occasione della settimana della moda proprio con una sfilata di Antonio Marras all’interno del teatro, da allora ha visto il susseguirsi in cantiere di numerosi eventi, fino alla più recente presentazione con Ivano Fossati della rassegna “Milano per Gaber” in collaborazione con la Fondazione Giorgio Gaber.

L’iniziativa, curata dal Prof. Francesco Maggiore, Presidente della Fondazione Dioguardi, intende interpretare il cantiere di restauro del Teatro Lirico come un’agorà, una piazza di incontro e di comunicazione con la città e i cittadini dove seguire lo sviluppo evolutivo dei lavori svolgendo attività divulgative, espositive, musicali e teatrali al fine di rendere il cantiere anche luogo di promozione culturale e di spettacolo.

L’esperimento sul Teatro Lirico nasce anche per elaborare un più vasto programma di “Cantieri-evento” per la rigenerazione delle periferie urbane; un processo, quello del «cantiere evento», in corso anche in Francia e destinato a essere istituzionalizzato negli appalti comunali nelle periferie per un coinvolgimento dei giovani e delle loro famiglie in una partecipazione consapevole dei cittadini per un nuovo sviluppo qualitativo urbano.