Menu

Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte celebra Capucci

20.12.2018

A Roberto Capucci, uno dei più grandi nomi della moda italiana, alla sua arte e al suo genio è dedicato il nuovo volume della collana “Mestieri d’Arte”, curato dalla Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte, giunta alla sua undicesima pubblicazione.

La pubblicazione “Lo scultore della seta. Roberto Capucci, il sublime nella moda”, scritta dalla penna di Gian Luca Bauzano, narra la storia dello stilista dagli esordi a villa Giorgini negli anni ‘50, agli abiti appositamente realizzati per grandi dive di Hollywood e principesse, fino alla decisione di allontanarsi dal sistema moda e fare dei suoi abiti vere e proprie opere d’arte, quando nel 1995 venne chiamato a esporre alla Biennale d’Arte di Venezia.

La creatività del couturier è espressa soprattutto nei disegni, poco noti rispetto agli abiti, e in buona parte inediti, di cui il volume presenta una selezione che testimonia la passione di Capucci per forme, colori e materiali.

L’opera è un tributo a un’eccellenza che è stata ed è un vanto per il nostro Paese, ma anche “una sorta di poetico manuale per giovani creativi”, come osserva il Cavaliere del Lavoro Franco Cologni, presidente della Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte: perché Roberto Capucci, raffinato interprete dell’alta maestria italiana, “ha saputo scrivere parole che oggi i giovani dovrebbero imparare a memoria: arte, mestiere, talento, competenza, lavoro, visione, coraggio, bellezza”.