Menu

Al via ICA Milano, il nuovo spazio per l’arte contemporanea

Milano 21.01.2019

Milano si arricchisce di un nuovo spazio dedicato all’arte contemporanea. Si chiama Ica – Istituto Contemporaneo per le Arti e sorge nel quartiere Ripamonti in via Orobia 26 all’interno di un edificio industriale degli Anni Trenta, sviluppato su due piani per un totale di 700 mq.

Una fondazione no profit per le arti, presieduta dal Cav. Lav. Lorenzo Sassoli De Bianchi, ispirata al modello dell’Ica di Londra, il centro artistico e culturale fondato nel 1947 come spazio in cui artisti, scrittori e scienziati potevano incontrarsi e confrontarsi al di fuori dei confini della Royal Academy.

Il nuovo polo culturale non si limiterà a ospitare mostre ed eventi: darà anche atelier a pittori e scultori, sarà “un laboratorio del pensiero attraverso l’arte contemporanea in tutte le sue discipline – dichiara Sassoli de Bianchi – ci occuperemo di arte, di musica, cinema. Deve essere uno spazio in cui si produce ricerca e riflessione e un luogo di aggregazione; siamo convinti che la cultura non sia solo sperimentazione. Il nostro progetto sarà inclusivo, sarà uno spazio in cui tutti potranno dare il proprio contributo”.

“Apologia della Storia – The Historian’s Craft”, la collettiva di apertura, sarà visitabile dal 25 gennaio al 15 marzo 2019, con opere di Yto Barrada, Lothar Baumgarten, James Lee Byars, Nanna Debois Buhl, Ryan Gander, Haroon Gunn-Salie, Arjan Martins, Santu Mofokeng, Antonio Ottomanelli, Paul Pfeiffer, Javier Téllez, Mona Vatamanu e Florin Tudor. Attraverso il percorso espositivo 13 artisti internazionali si confronteranno con una figura centrale della storiografia e della cultura moderne come Marc Bloch.

Seguiranno due mostre, una monografica dedicata allo scultore europeo Hans Josephsohn (1920-2012) e una di approfondimento sulla storia della Galleria dell’Ariete. Quest’ultima sarà la prima di un appuntamento annuale sugli archivi e sulla storia delle gallerie italiane.

ICA Milano sarà diretta da Alberto Salvadori, storico e critico d’arte attualmente impegnato come Established Masters and Decades Curator per la fiera miart a Milano e direttore dal 2007 dell’Osservatorio per le Arti Contemporanee dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.