Menu

Alfieri del Lavoro, Donato: “Puntiamo sulla formazione d’eccellenza”

Torino 05.05.2016

Si è svolto il  3 maggio, a Torino, l’incontro organizzato dal Gruppo Piemontese dei Cavalieri del Lavoro per illustrare il Premio “Alfieri del Lavoro” – Medaglia del Presidente della Repubblica. Il seminario, intitolato “Ripartire dal sapere per far ripartire il paese”, è riservato agli studenti di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, segnalati per il Premio e ai loro dirigenti scolastici.

All’iniziativa, ospitata presso il Centro Congressi dell’Unione Industriale di Torino, hanno partecipato una ottantina di persone tra studenti e docenti.

Il pubblico del seminario del 3 maggio a Torino

Il pubblico del seminario del 3 maggio a Torino

Dopo il saluto di benvenuto del Presidente del Gruppo Piemontese dei Cavalieri del Lavoro Cav. Lav. Giuseppe Donato, sono intervenuti l’avv. Licia Mattioli, Presidente dell’Unione Industriale di Torino, l’ing. Nevio Di Giusto, responsabile Hub dell’innovazione dell’Unione Industriale di Torino, l’ing. Filippo Rizzanti, Chief Technology Officer di Reply S.p.A. ed il Cav. Lav. Giovanni Novi, Presidente del Gruppo Ligure dei Cavalieri del Lavoro. Ha concluso l’incontro, come consuetudine, il Prof. Stefano Semplici, Direttore scientifico del Collegio “Lamaro Pozzani”, che ha illustrato le attività della struttura universitaria istituita a Roma dalla Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro per offrire agli studenti particolarmente meritevoli un percorso culturale caratterizzato da parametri di eccellenza e da significative occasioni di crescita personale.

“Viviamo in un mondo dove successo e competitività sono sempre più fondate su sapere e conoscenza. Non possiamo pensare di avere un’esclusiva a tempo indeterminato sulle nostre indubbie doti creative nel campo del design, dell’innovazione, della produzione. Oggi l’informazione viaggia in tempo reale da un estremo all’altro del globo e se vogliamo preservare le punte di eccellenza su cui oggi possiamo contare e sviluppare il nostro sistema produttivo, primario produttore di ricchezza e condizione necessaria ed ineludibile per offrire buone opportunità lavorative ai milioni di italiani, in particolare giovani, dobbiamo impegnarci per una serie di iniziative e riforme che ci facciano uscire dalle secche in cui ci dibattiamo. Per questo i Cavalieri del Lavoro hanno auspicato, in recenti convegni, misure che vanno dal favorire una formazione di eccellenza che valorizzi le vocazioni di ciascuno, alla realizzazione di un mercato del lavoro più incisivo ma anche più dinamico che aumenti l’occupazione, alla riduzione di lacci burocratici che ostacolano gli investimenti e impediscono lo sviluppo nelle quali si realizza il capitale su cui poggia la nostra economia”, dichiara Giuseppe Donato – Presidente del Gruppo Piemontese dei Cavalieri del Lavoro.