Menu

Alberto Barberis Canonico

Nato a Torino nel 1939
Nominato Cavaliere del Lavoro il 31 05 2018
Numero brevetto 2855
Settore Industria
Regione di nomina
Piemonte
Attività
Industria tessile
Profilo
È amministratore delegato della holding Lanificio Vitale Barberis Canonico SpA e consigliere di amministrazione della Vitale Barberis Canonico SpA, azienda di famiglia fondata nel 1936 la cui attività laniera risale al 1663 e oggi leader mondiale nella produzione tessile e nella lavorazione di lane pregiate e fibre nobili. Laureato in ingegneria meccanica al Politecnico di Milano, a metà degli anni ’60 entra nell’azienda di famiglia Vitale Barberis Canonico SpA insieme al fratello, ricoprendo il ruolo di amministratore delegato dal 1981 al 2012. Alla scomparsa del padre nel 1970 avvia una strategia di crescita centrata sulla radicale riorganizzazione del lavoro e sull’innovazione di processo e di prodotto che porta l’azien¬da a rafforzarsi e trasformarsi in una realtà prevalentemente esportatrice. Attraverso un’intensa analisi sulla qualità del prodotto inizia la ricerca delle lane più pregiate con studi dei mercati all’origine e viaggi in Australia. Nei primi anni ’70 seleziona le migliori materie prime in ogni parte del mondo e in Australia apre prima un ufficio come presidio per i contatti con gli allevatori, fino a dar vita successivamente al “Pymural Pastoral”, il polo rurale australiano del lanificio e a fondare la New England Wool, oggi tra le principali società acquirenti di lana. Sin dalla fine degli anni ’60 avvia e progetta un’ampia automazione dei processi produttivi che porta alla nascita di nuovi reparti e nuovi magazzini con un incremento della produzione che passa da 550.000 metri di stoffe nel 1965 ai 10 milioni di metri attuali. Da sempre attento alla tutela dell’ambiente e alla qualità della vita dei propri lavoratori, dalla fine degli anni ’70 guida l’azienda verso una filosofia imprenditoriale centrata sulla sostenibilità dei processi produttivi. In questa prospettiva ha avviato lo studio di uno dei primi impianti di depurazione delle acque che oggi è in grado di trattare circa 1.200 metri cubi di reflui al giorno, una parte dell’acqua depurata viene riutilizzata o restituita in natura, mentre un’altra parte confluisce in un laghetto artificiale. La tintoria, il reparto più automatizzato e a ciclo continuo, ha ridotto il consumo d’acqua a soli 39 litri per metro di tessuto finito rispetto al consumo medio di 50/60 litri. Ha progettato, inoltre, l’installazione nel reparto di tessitura di speciali cabine insonorizzanti per telai. Attualmente la sala di tessitura del lanificio di Pratrivero è l’unica al mondo in cui l’inquinamento acustico medio è inferiore a 85 dB con 88 telai in funzione su una superficie 3.500 mq. L’azienda, fortemente radicata nel territorio, realizza il 100% della produzione in Italia ed è presente in 100 paesi con un export dell’80% e oltre 1.000 clienti nel mondo. Opera attraverso due stabilimenti a ciclo completo nel biellese, a Pray e a Pratrivero. Occupa 470 addetti e nel 2017 ha realizzato un fatturato di circa 180 milioni di euro. Nel 2013 nasce il progetto Fabric Academy, un innovativo percorso di formazione per approfondire la conoscenza di tutti gli aspetti legati al tessuto e all’abbigliamento maschile: dalle armature di base alla lavorazione della lana, dalla storia del tessile agli ultimi trend, progettato negli storici stabilimenti di Pratrivero, nella CASA VBC di Milano, e proposto in tutto il mondo ai professionisti dell’abbigliamento. Si tratta di un programma di diffusione della conoscenza grazie al quale esperti e operatori del settore possono confrontarsi e collaborare, creando una vera e propria comunità di idee. Nel 2005 ha ricevuto il Premio Europeo per la Sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro.
Cariche ricoperte
Amministratore Delegato Lanificio Vitale Barberis Canonico SpA