Menu

Giovan Battista Pininfarina

1893 - 1966
Nominato Cavaliere del Lavoro il 16 06 1953
Numero brevetto 1289
Settore Industria
Regione di nomina
Piemonte
Attività
Industria metalmeccanica
Profilo
Il nome "Pininfarina", noto in tutto il mondo, gli rimase da come lo chiamavano da ragazzo ("Pinin"). Fu convalidato anche nei documenti dello stato civile, dove era stato registrato alla nascita come Giovanni Battista Farina. Decimo figlio di una famiglia di contadini, trascorse un'infanzia di stenti. Poté frequentare soltanto le prime classi elementari. Iniziò a lavorare nella piccola officina del fratello. Decisivo fu l'incontro con Giovanni Agnelli. Seguì la nascita della "Fiat zero": una vettura dal disegno per quei tempi all'avanguardia. Nel 1930 aprì una propria officina per costruire carrozzerie per automobili. Con le sue prime innovazioni - il parabrezza inclinato e la calandra orizzontale - il suo nome balzò in primo piano. Distinse, come gli antichi costruttori piemontesi di carrozze, la sua produzione con uno stemma: una "effe" minuscola, disegnata da lui stesso, sormontata da una corona rossa. Nel 1936 occupava 130 operai e produceva 300 carrozzerie l'anno. Un suo "cabriolet" su telaio Lancia ottenne a Parigi un successo strepitoso. Dopo la guerra ricostruì la fabbrica distrutta dai bombardamenti. In pochi anni, con 1800 operai, riuscì a produrre 80 vetture al giorno.