Menu

Fondazione Benetton Studi e Ricerche, al via il ciclo di incontri “Naturale inclinazione”

 

 

“Naturale inclinazione”, il consueto ciclo di incontri di fine estate che la Fondazione Benetton Studi e Ricerche dedica al giardino, propone quest’anno una riflessione sulle tematiche dei prati e dei boschi.

L’iniziativa si ispira all’opera di Ippolito Pizzetti “Nel solco della naturale inclinazione”, progettista del paesaggio e del giardino, costante punto di riferimento del lavoro della Fondazione su questi temi.

Il ciclo di appuntamenti in programma il 13, 20 e 27 settembre, approfondirà il tema dei prati e dei boschi anche in relazione a contenuti emersi nelle più recenti edizioni delle “Giornate internazionali di studio sul paesaggio” (Sul ritorno del bosco, 2016, e Prati, commons, 2017).

Il seminario pubblico del 13 settembre “Nuovi prati. I common field nella città contemporanea” sarà dedicato ai nuovi prati della città contemporanea, intesi non tanto e non solo come semplici superfici erbose bensì nella loro più ampia e storica accezione di “common field”, ovvero di spazi pubblici di aggregazione, luoghi aperti a pratiche diverse.

Per studiare questa particolare specie di natura urbana, che può essere il risultato della permanenza più o meno inalterata di prati storici oppure l’esito delle dismissioni di aree industriali o di grandi infrastrutture, è stato adottato un metodo ispirato alla botanica sistematica e basato sull’individuazione e descrizione di alcuni caratteri comuni attraverso la comparazione di casi di studio nazionali ed europei. L’analisi è finalizzata a comprendere quali siano gli strumenti e i mezzi da impiegare per la progettazione, coltivazione e cura dei prati contemporanei.

“Boschi e parole. Lessico sulle forme e sulla cura” sarà il tema al centro dell’incontro del 20 settembre. Nel corso dell’appuntamento seguirà la proiezione di “Piano Forest”, film d’animazione di Masayuki Kojima in cui due giovani ragazzi accomunati dalla stessa passione per il pianoforte sono i protagonisti di questo racconto sulle dinamiche che l’incontro tra due personalità con il loro approccio alla musica, opposto ma ugualmente inteso, sono in grado di generare diventando fattori di crescita per entrambi.

Il giardino sarà la tematica dell’incontro conclusivo del 27 settembre, dedicato alla scrittrice Pia Pera. Il programma della manifestazione prevede un reading di Lorenza Zambon dal libro di Pia Pera “Al giardino ancora non l’ho detto”, accompagnato da musiche dal vivo e dalla realizzazione di un micro giardino ispirato al giardino toscano di Pia Pera. Concludono la serata le immagini del giardino della scrittrice nella campagna toscana.

Il programma della manifestazione è consultabile sul sito internet della Fondazione Benetton Studi e ricerche, www.fbsr.it